Da operaio a imprenditore: quando i lavoratori rilanciano l’impresa

A cura di: Flavia Terribile e Guido Pellegrini, con Viviana Celli, Patrizia Luongo, Marco Marucci.

In breve ➡ La trasformazione da impresa ordinaria a impresa cooperativa è un fenomeno in crescita nel nostro Paese, anche a seguito del lungo periodo di crisi economica. In particolare, le operazioni di Workers Buyout (WBO) – l’acquisizione della proprietà e del controllo dell’impresa, o parte di essa, da parte dei suoi dipendenti – rappresentano oggi una modalità innovativa, che può essere intrapresa dai lavoratori per rilevare la propria azienda in crisi, per affrontare il ricambio generazionale di un’impresa familiare, per rilanciare un’azienda sottratta alla criminalità organizzata, liberando così le energie creative per promuovere un’alternativa occupazionale e non disperdere le competenze acquisite. Il progetto mira quindi a condurre una ricerca empirica per approfondire il fenomeno dei Workers Buyout (WBO) in Italia, analizzando l’evoluzione nelle modalità di cooperazione tra lavoratori e valutando se queste possano rappresentare un’alternativa credibile per la competitività delle imprese e il sostegno all’occupazione. Lo scopo è quello di diffondere l’esperienza dei WBO, segnalando anche ai policy maker modelli efficaci di azione privata e pubblica, e promuoverne eventuali sviluppi.

Sono molte le esperienze di imprese sull’orlo del fallimento recuperate e rilanciate grazie alla capacità di collaborazione dei lavoratori. Le operazioni di Workers Buyout – l’acquisizione della proprietà e del controllo dell’impresa, o parte di essa, da parte dei suoi dipendenti, con conseguente istituzione di una cooperativa – rappresenta oggi una modalità innovativa, che può essere intrapresa dai lavoratori per rilevare la propria azienda in crisi, per affrontare il ricambio generazionale di un’impresa familiare, per rilanciare un’impresa sottratta alla criminalità organizzata, liberando così le energie creative per promuovere un’alternativa occupazionale e salvaguardare le competenze acquisite.

 

Le operazioni di WBO, promosse dal 1985 con la “Legge Marcora”, hanno permesso a piccole e, talvolta, medio-grandi realtà di assorbire e contrastare le fasi più cupe del ciclo economico. Si tratta sono un fenomeno in crescita e che in Italia coinvolge principalmente le PMI e il settore manifatturiero con manodopera altamente qualificata e ad alta intensità di lavoro. In molti casi, la redistribuzione è andata di pari passo con un aumento dell’efficienza.

 

Questo progetto mira ad approfondire la conoscenza del fenomeno dei WBO in Italia, analizzando l’evoluzione nelle modalità di cooperazione tra lavoratori e valutando se queste possano rappresentare un’alternativa credibile per la competitività delle imprese e il sostegno all’occupazione. In particolare, il progetto mira a: analizzare le caratteristiche delle operazioni di WBO in Italia, ed esaminare i fattori che ne favoriscono o frenano lo sviluppo; approfondire i modelli di governance adottati dalle imprese cooperative e il ruolo di indirizzo strategico e di controllo effettivamente svolto dai lavoratori e dai loro rappresentanti; analizzare le caratteristiche degli investimenti effettuati, delle scelte tecnologiche adottate e il loro impatto sulla competitività e sulla redditività a breve e a lungo periodo delle imprese; valutare i riflessi sulla qualità e sulla remunerazione del fattore lavoro e sull’allocazione del rischio per le famiglie dei lavoratori; valutare l’efficacia ed efficienza degli strumenti di sostegno pubblico ai WBO, tramite un’analisi empirica delle esperienze finanziate con la Legge Marcora; raccogliere storie e informazioni più dettagliate sui WBO e diffondere la portata del fenomeno, segnalando anche ai policy makers modelli efficaci di azione privata e pubblica, e promuoverne eventuali sviluppi e/o modifiche.

Ricerche-Azioni
Le Ricerche-Azioni
Ricerche-Azioni Trasversali

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione.

Invia il tuo contributo

Partecipa! Invia qui il tuo contributo, che sarà valutato per la pubblicazione sul sito.

Procedendo si dichiara che l’articolo è inedito, frutto del proprio esclusivo lavoro e libero da diritti di terzi, e si acconsente alla sua pubblicazione.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi