NEWS ED EVENTI

Il ForumDD, l'ASviS e Cristiano Gori hanno lavorato insieme dal 30 marzo per assicurare una protezione sociale equa, dignitosa e di facile accesso alla parte più vulnerabile della popolazione. In questo archivio sono raccolti i documenti prodotti e la rassegna stampa della campagna condotta. 

Al centro del volume l’urgenza e i tratti di una strategia fondata sulla giustizia sociale e su un patto fra i produttori, per costruire un futuro più giusto, il solo dopo-Covid-19 che vogliamo.

Profonde disuguaglianze generazionali penalizzano i giovani e le giovani italiane, che con la crisi dovuta a Covid-19 vedranno le loro opportunità restringersi ulteriormente. Come reagire? Il contributo di Elena Giacomelli, Caterina Bortolaso, Kiran Chaudhuri e Francesca Trombetta, portavoci del movimento giovanile AssembraMenti nato in queste settimane*

L’Italia, con quasi 7 milioni di studenti delle scuole primarie e secondarie confinati a casa, è stato uno dei primi Paesi a chiudere le scuole e probabilmente sarà uno degli ultimi a riaprirle. Questo è particolarmente preoccupante se si considera la situazione critica che già caratterizza il panorama educativo italiano. È un fatto ormai generalmente accettato che la crisi generata dalla pandemia di Covid-19 sta avendo un notevole impatto sui contesti sociali più fragili esacerbando la situazione e intensificando le disparità esistenti. L’Italia, con quasi 7 milioni di studenti delle scuole primarie e secondarie confinati a casa, è stato uno dei primi Paesi a chiudere le scuole e probabilmente sarà uno degli ultimi a riaprirle. Questo è particolarmente preoccupante se si considera la situazione critica che già caratterizza il panorama educativo italiano. È un fatto ormai generalmente accettato che la crisi generata dalla pandemia di Covid-19 sta avendo un notevole impatto sui contesti sociali più fragili esacerbando la situazione e intensificando le disparità esistenti. Un contributo di Rita Locatelli e Monica Mincu

A Roma presenti molte esperienze di innovazione sociale realizzate attraverso orti e giardini condivisi, che esprimono potenzialità diverse fra cui la mitigazione delle ingiustizie spaziali e ambientali, la promozione del senso di comunità, lo stimolo alla coesione sociale, la sperimentazione di modelli innovativi di produzione e gestione dello spazio pubblico e di reti alternative di produzione e commercio alimentare, il rafforzamento degli ecosistemi urbani e della biodiversità urbana e la lotta al cambiamento climatico. Un contributo di Silvia Cioli e Luca D’Eusebio* 

Non pare proprio che il Governo voglia assicurare una protezione sociale equa, dignitosa e di facile accesso alla parte più vulnerabile della popolazione: lavoratori a termine a cui non hanno rinnovato il contratto, chi ha perso un lavoro non regolare, chi non può più beneficiare della rete familiare. Se si confermasse questa iniqua disattenzione alla parte più debole del paese, si aggraverebbe l’impoverimento e si toglierebbe a tanti la possibilità di ricostruire, con un minimo di serenità, un programma di vita. Una scelta ingiusta e dannosa per la ripresa dell’intero paese. E’ mai possibile che siano ancora una volta i più deboli a pagare il prezzo più alto? Che proprio su di loro si risparmi?

Bogotà, Parigi, Barcellona, Milano, sono riuscite ad accelerare le strategie per la mobilità sostenibile nella fase due. É adesso necessario rendere questa opportunità accessibile anche alle città meno virtuose.

La proposta di ridurre l’orario di lavoro a parità di salario può avere effetti positivi che vanno al di là della sola emergenza sanitaria. Oltre a favorire il bilanciamento famiglia-lavoro e la ridistribuzione dei tempi di lavoro può sostenere la crescita della produttività, soprattutto se accompagnata da misure a sostegno di formazione e upgrading tecnologico. Un contributo di Alessandro Arrighetti e Fabio Landini*

Il Covid-19 pone tutto il mondo dell’educare, non solo la scuola, di fronte a una biforcazione. O si va verso una crescita delle disuguaglianze educative, della povertà educativa, del fallimento formativo, oppure vi è una vera inversione di tendenza che ci porta verso una scuola nuova, ad un tempo aperta, egualitaria e rigorosa, dove si impara meglio, entro la prospettiva di comunità educanti larghe e evolute.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi