Rapporto Missioni strategiche per le imprese pubbliche italiane

MISSIONI STRATEGICHE
PER LE IMPRESE PUBBLICHE ITALIANE

Un’opportunità per guidare lo sviluppo del Paese

Come attivare il potenziale trasformativo delle imprese pubbliche, oggi ancora ampiamente inespresso, affinchè dia un  contributo fondamentale al rilancio dello sviluppo del paese su basi più giuste dal punto di vista sociale e ambientale?

Il Rapporto predisposto dalla Commissione Imprese e Sviluppo, costituita nell’ambito del Forum Disuguaglianze e Diversità,  dopo nove mesi di lavoro e di interviste in Chatham House Rule ai vertici delle principali imprese pubbliche italiane, analizza il potenziale di queste imprese e avanza una semplice proposta per realizzare pienamente il potenziale esistente.

VAI ALLA PAGINA DEL RAPPORTO
Un futuro più giusto

Un futuro più giusto

Rabbia, confllitto e giustizia sociale

A cura di

Fabrizio Barca

Patrizia Luongo

 

Il Mulino

ACQUISTA IL VOLUME
Vai alla pagina del libro

Un’agenda radicale: intervenire subito perché nessuno resti indietro
nella crisi da Covid-19

 

È urgente imboccare la strada di un futuro più giusto, prendendo di petto il problema dei problemi: le gravi disuguaglianze e il senso di ingiustizia e impotenza che mortificano il paese. La crisi Covid-19 ha reso ancora più evidente questo stato di cose e ha aperto molteplici scenari. Come evitare che gli squilibri di potere e di ricchezza crescano ancora? O che prevalga una dinamica autoritaria? Quali sono le cause delle disuguaglianze e le responsabilità della politica e delle politiche? È possibile indirizzare l’accelerazione della trasformazione digitale alla diffusione di conoscenza e alla creazione di buoni lavori? E come? Come far funzionare la «macchina pubblica» e assicurare il confronto democratico sulle decisioni? Come assicurare dignità e partecipazione strategica al lavoro? Come affrontare la crisi generazionale? Sviluppando le «15 proposte per la giustizia sociale» elaborate dal Forum Disuguaglianze Diversità, alleanza originale di cittadinanza attiva e ricerca, il volume offre una risposta a queste domande, fornendo uno schema concettuale per affrontare l’incertezza e soluzioni operative per cambiare rotta.

Crisi COVID-19

Nel pieno della crisi del COVID-19 siamo tutti e tutte esposti e impegnati su molti fronti. Quello personale e quello collettivo. Sul fronte sanitario tanti e tante, a cui non smettiamo di pensare, sono in prima linea per contrastare l’epidemia. Contemporaneamente, sul fronte economico e sociale tanti e tante provano a proporre idee per il presente e per la costruzione di un futuro diverso. Il nostro contributo sul presente è quello di dare una protezione sociale a ogni persona e ogni famiglia, dando risposte diverse per esigenze diverse. Una protezione che dia maggiore serenità a tutti e tutte e consenta di guardare e provare a costruire il futuro con maggiore fiducia. La condizione sociale ed economica che desideriamo e per cui impegnarsi è ben diversa da quella da cui veniamo. Cambiare rotta e correggere le scelte sbagliate del passato è diventato ancora più urgente.

Un futuro più giusto

Un futuro più giusto è possibile.
Promemoria per il “dopo” Covid-19 in Italia

In questo breve saggio riassumiamo i tratti di una strategia per un futuro più giusto. Mentre alcuni aspetti sono tipici del contesto italiano, la comunanza dei problemi ci fa ritenere che questa strategia possa essere utile per una platea più amplia di quella italiana. Di seguito, muoviamo dall’identificazione delle principali disuguaglianze e debolezze strutturali rese eclatanti dalla crisi. Nonostante l’incertezza sistemica ancora dominante, cerchiamo poi di individuare i possibili cambiamenti sociali, economici e istituzionali avviati dalla crisi, per cogliere le numerose biforcazioni che si aprono e per proporre sette cose da fare subito e cinque obiettivi strategici, sostenuti da proposte concrete.

Leggi e scarica il documento
A fairer future is possible

A fairer future is possible.
Memorandum for post Covid-19 in Italy

In this essay we summarize the strategy for a fairer future put forward by the ForumDD. While some cases are specific to Italy, the commonality of the problems have led us to believe our blueprint to be useful for a wider audience. In what follows, we identify the main inequalities and structural weaknesses brought to the fore by the crisis. Despite the systemic uncertainty still with us, we also attempt to pin down the social, economic, and institutional trends triggered by the crisis. This allows us to identify the many bifurcations ahead of us and to propose seven short-term actions and five strategic objectives supported by concrete proposals.

 

READ AND DOWNLOAD THE ESSAY

Il Forum Disuguaglianze e Diversità è insieme un think tank e un’alleanza. La sua missione è disegnare politiche pubbliche e azioni collettive che riducano le disuguaglianze, aumentino la giustizia sociale e favoriscano il pieno sviluppo di ogni persona.

Scopri di più

NEWS ED EVENTI

Accolte le richieste di ForumDD e ASviS: chi è in grave difficoltà economica potrà richiedere una terza mensilità del Reddito di Emergenza fino al 15 ottobre.

Forum Disuguaglianze e Diversità e ASviS

Fino al 30 giugno avevano ricevuto il Reddito di Emergenza solo 518mila persone. ForumDD e ASviS chiedono che il Governo estenda la possibilità di presentare domanda fino al 15 settembre. Aiutare più persone in difficoltà non costerà di più allo Stato dato che i fondi per i 2 milioni di cittadini e cittadine che ne hanno diritto sono stati già stanziati con il Decreto Rilancio.

Forum Disuguaglianze e Diversità e ASviS

Milioni di italiani, lavoratori e imprenditori, stanno ridisegnando i loro progetti di vita, la loro offerta. Lo fanno cercando di entrare in sintonia con le nuove preferenze, le nuove domande, espresse da una popolazione colpita da un evento senza precedenti. Nella capacità di coniugare quell’offerta e quella domanda sta la chiave per un nuovo sviluppo del paese. Compito delle politiche è permettere questo incontro, migliorare i servizi, rimuovere ostacoli. Nelle aree marginalizzate del paese, nelle periferie come nelle aree interne, questo ruolo è essenziale. E può dare grandi risultati. Ma le politiche devono essere efficaci, moderne, aderenti ai territori. Niente sussidi. Niente liste di progetti senza un’anima, costruiti lontani dalle persone. Il ForumDD propone un’altra strada: “Liberiamo il potenziale di tutti i territori. Con una politica di sviluppo moderna e democratica”.

Forum Disuguaglianze e Diversità

Il 24 luglio presentazione in streaming della proposta per liberare il potenziale di tutti i territori con una politica di sviluppo moderna e democratica alla presenza dell'On. Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano.

Forum Disuguaglianze e Diversità

Una sfida per una progettazione comune quella posta dal Presidente Conte durante l’incontro con le nove reti promotrici del documento educAzioni, invitate a collaborare alla definizione di un piano organico per l’infanzia e l’adolescenza.

Forum Disuguaglianze e Diversità

Il dibattito pubblico degli ultimi mesi sulla regolarizzazione degli stranieri pone, nuovamente, un tema di diritti fondamentali, di lavoro e di filiere produttive locali. Perché non sia l’ennesima occasione mancata, occorre un'analisi critica dei processi migratori e degli impatti che le dinamiche locali hanno su territori e comunità.

Daniela Luisi e Andrea Membretti

Sei su 10 fra le prime aziende italiane per fatturato sono a controllo pubblico. Nel loro complesso le imprese pubbliche realizzano il 17% degli investimenti e della R&S privati del paese e coprono il 29% della capitalizzazione di borsa di Milano. Il rilancio del paese per un nuovo sviluppo giusto e sostenibile, nell’epoca post Covid-19, poggia in misura significativa sul grande potenziale di queste imprese. 

Forum Disuguaglianze e Diversità

Il primo luglio presentazione in streaming del Rapporto sulle Imprese pubbliche italiane alla presenza dell'On. Ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri.

Forum Disuguaglianze e Diversità

Il Rapporto “15 proposte per la giustizia sociale” si concentra sulle disuguaglianze di ricchezza, privata e comune.

Le proposte mirano a modificare i principali meccanismi che determinano la formazione e la distribuzione della ricchezza: il cambiamento tecnologico, la relazione fra lavoratori e lavoratrici e chi controlla le imprese, il passaggio generazionale della ricchezza stessa.

15 proposte per la giustizia sociale - ForumDD
Organizzazioni Promotrici
Actionaid
Caritas
Dedalus
Fondazione Basso
Legambiente
UISP
Cittadinanza Attiva
Fondazione di Comunità di Messina
Fondazioni sostenitrici

Fondazione Charlemagne

Fondazione UnipolisFondazione Paolo Bulgari

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi