Imprese pubbliche italiane

Dare una missione strategica di giustizia sociale e ambientale alle imprese pubbliche italiane

 

Per fare avanzare la nostra proposta di tornare a dare alle imprese pubbliche italiane missioni strategiche esplicite e verificabili sui tre fronti dello sviluppo – competitività, sostenibilità e giustizia sociale – abbiamo cercato l’interlocuzione con gli amministratori di queste imprese. Dopo nove mesi di lavoro e di colloqui in Chatham House Rule con i principali amministratori delle imprese pubbliche italiane, sugli obiettivi strategici, la relazione con lo Stato e l’organizzazione interna delle imprese pubbliche italiane, la Commissione Imprese e Sviluppo (Fabrizio Barca, Giovanni Dosi, Simone Gasperin, Federico Maria Mucciarelli, Edoardo Reviglio, Andrea Roventini, Francesco Vella, Edoardo Zanchini), costituita nell’ambito del Forum Disuguaglianze e Diversità, in collaborazione con il progetto GROWINPRO e dell’Institute for Innovation and Public Purpose afferente allo University College London, ha analizzato il potenziale di queste imprese e avanzato una semplice proposta (QUI PER LEGGERE IL RAPPORTO) per realizzare pienamente il potenziale esistente. Il Rapporto è stato presentato in un webinar, il 1° luglio, a cui ha partecipato il Ministro dell’Economia e delle Finanze.

 

L’intervento che la Commissione ha proposto raggiunge tre obiettivi: maturare missioni strategiche orientate a promuovere l’innovazione tecnologica e lo sviluppo inclusivo e sostenibile del Paese, chiare e tecnicamente rigorose, fissate in atti programmatori di medio-lungo termine, e maturate attraverso un confronto fra azionista pubblico e imprese; promuovere e rendere sistemico, ancorché informale, il confronto e quindi la cooperazione strategica fra le stesse imprese pubbliche; rendere coerente l’azione delle amministrazioni pubbliche statali e regionali con le strategie delle imprese pubbliche, nell’ambito di un’unica visione-paese. Questi obiettivi vengono raggiunti: costruendo un forte ponte tecnico, un Consiglio degli Esperti, che consenta un continuo dialogo e di fare squadra fra imprese e azionista Stato; elaborando missioni strategiche condivise dal Parlamento e fissate nel medio-lungo periodo in atti europei, relative alle sfide della società nell’immediato futuro: innovazione tecnologica e digitale, cambiamento climatico, invecchiamento della popolazione; dando un nuovo più pronunciato profilo tecnico ai Consigli di Amministrazione.

 

Il lavoro continuerà con una fase di pubblico confronto, prima di tutto con i soggetti Alleati (Cgil, Cisl) e poi con gli altri soggetti interessati a discuterne.

L’ipotesi di escludere dall’universo del settore pubblico allargato le grandi imprese pubbliche nazionali (IPN), il cui meccanismo di allocazione sarebbe fondamentalmente il mercato e non una decisione politica, impone di riaprire il dibattito sul ruolo dell’impresa pubblica e di discutere i grandi indirizzi politici che devono guidare l’azione delle società a controllo pubblico e della missione che deve essere ad esse affidata

Mariella Volpe

Sei su 10 fra le prime aziende italiane per fatturato sono a controllo pubblico. Nel loro complesso le imprese pubbliche realizzano il 17% degli investimenti e della R&S privati del paese e coprono il 29% della capitalizzazione di borsa di Milano. Il rilancio del paese per un nuovo sviluppo giusto e sostenibile, nell’epoca post Covid-19, poggia in misura significativa sul grande potenziale di queste imprese. 

Forum Disuguaglianze e Diversità

Il primo luglio presentazione in streaming del Rapporto sulle Imprese pubbliche italiane alla presenza dell'On. Ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri.

Forum Disuguaglianze e Diversità

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi