Scuola Capitale Sociale: connettere esperienze, saperi e visioni per una trasformazione reale della società

Scuola Capitale Sociale

La Scuola Capitale Sociale organizza corsi per valorizzare il lavoro di tutti quei professionisti attivi nella realizzazione di un cambiamento coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda2030. Propone anche un ciclo di incontri gratuiti: prossimo appuntamento il 16 aprile con la lecture dal titolo “Disabilità: la rivoluzione necessaria”

Fondata un anno fa da Lorenzo Fazio (editore), Ugo Biggeri (Etica sgr) e Iolanda Romano (esperta di democrazia partecipativa), Scuola Capitale Sociale è una nuova scuola che si propone come alternativa e integrativa rispetto alla classica formazione accademica. Con la missione di connettere esperienze, saperi e visioni, la Scuola vuole valorizzare il lavoro di tutti quei professionisti attivi nella realizzazione di un cambiamento coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda2030.

 

Il proposito infatti è insegnare e trasmettere a tutti coloro che vogliono impegnarsi per una trasformazione reale della società (imprenditori, politici, amministratori pubblici, volontari) metodi, competenze e tecniche già collaudati, con docenti professionisti che sappiano fare le cose e abbiano dimostrato l’efficacia delle proprie attività a livelli diversi. In questo senso, l’offerta formativa è ampia e trasversale. I corsi finora realizzati e quelli in programma riguardano temi a forte impatto sociale come: la finanza etica, la condivisione sociale del lutto da Coronavirus; l’interazione di qualità online, sia a scuola che in contesti di lavoro; la riorganizzazione del management a seguito delle crisi recenti; la transizione ecologica per le imprese; l’innovazione sociale e di comunità.

 

I corsi non esauriscono però la missione della Scuola, che oltre a garantire opportunità di formazione si propone come uno spazio di condivisone e di confronto sempre aperto. Per questo motivo, è stato inaugurato da qualche mese un ciclo di lectures gratuite pensato per condividere le esperienze di chi, in modo e sensibilità diversi, si impegna per favorire l’innovazione: nei precedenti appuntamenti la Scuola ha ospitato le lezioni dell’artista di fama internazionale Michelangelo Pistoletto (Insieme per una rigenerazione), del filosofo Giuseppe Ferraro (Essere presenti in questo tempo) e dello scrittore e dirigente d’azienda Pier Luigi Celli (Oltre la specializzazione di mestiere. Come la crisi può far scoprire risorse nascoste).

Nel prossimo incontro, che si svolgerà online venerdì 16 aprile alle ore 18.00, Valentina Perniciaro, mamma di Sirio e curatrice del blog Sirio e i tetrabondi, terrà una lezione sul tema della disabilità e sull’importanza di un approccio innovativo che superi finalmente la retorica della persona speciale. “Un disabile non è un eterno bimbo da accarezzare” – dice Valentina. “Questi ragazzini diventeranno degli adulti e dobbiamo dare loro degli strumenti per sopravvivere in un mondo che prima o poi non li accarezzerà più, perché non saranno più angioletti come adesso”..

 

Disabilità: una rivoluzione necessaria sarà l’occasione per ascoltare la preziosissima testimonianza di chi, in prima persona e con coraggio, si impegna quotidianamente per una società inclusiva che sappia valorizzare le differenze.

 

La lecture, che si terrà sulla piattaforma zoom di Scuola Capitale Sociale, è aperta a tutti fino a esaurimento posti (max. 100 partecipanti). Per iscriversi: https://www.scuolacapitalesociale.it/lecture-di-valentina-perniciaro/

 

La lecture sarà anche trasmessa in streaming sulla pagina Facebook della Scuola.

Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Esperimenti di dialogo sociale: dibattito pubblico online sul collegamento ferroviario Salerno-Reggio Calabria

Un dibattito pubblico vero a cui hanno partecipato figure tecniche, esperti, il Ministro e che hanno seguito cittadini e studenti. Un esperimento, ideato e curato dal ForumDD, che mostra quanto il paese sia interessato a discutere degli interventi del #PNRR

Elisa Ragogna e Pietro Savastio sono due dei settecento ragazzi e ragazze under 30 che si sono iscritti alla Scuola di Mobilitazione Politica promossa da Ti Candido insieme a una rete di undici organizzazioni e movimenti tra cui il ForumDD. Cosa li ha spinti a partecipare a questa esperienza? Hanno trovato quello che cercavano? Glielo abbiamo chiesto e con l’occasione abbiamo parlato di politica e delle battaglie che li appassionano

Silvia Vaccaro

Tags:

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi