Investire nell’infanzia: prendersi cura del futuro a partire dal presente

Forum Disuguaglianze e Diversità

Alleanza per l’Infanzia, in collaborazione con la rete #educAzioni di cui il ForumDD fa parte, pubblica un rapporto per l’ampliamento dei servizi educativi 0-6. Un’occasione per contrastare anche le disuguaglianze di genere

Il Rapporto “Investire nell’infanzia: prendersi cura del futuro a partire dal presente“, redatto da Alleanza per l’Infanzia in collaborazione con la rete di dieci reti #educAzioni, di cui il ForumDD fa parte, formula una dettagliata proposta di ampliamento, rafforzamento e integrazione della copertura dell’offerta di servizi educativi e scolastici per i bambini tra 0 e 6 anni e degli interventi a sostegno della genitorialità, cui dedicare una quota significativa del fondo Next Generation EU.

 

A supporto ed integrazione del Rapporto, il ForumDD, grazie anche alle riflessioni attivate nel corso degli ultimi mesi dal gruppo di lavoro “prospettive di genere” ed arricchite con i tanti spunti emersi nella giornata di confronto del 9 dicembre “Potere delle donne”,  tiene  a  sottolineare la particolare importante degli Asili Nido anche come intervento di supporto al contrasto delle disuguaglianze di genere.

 

Condividendo e sostenendo la dettagliata proposta di ampliamento, rafforzamento e integrazione della copertura dell’offerta di servizi educativi e scolastici per i bambini tra 0 e 6 anni, cui dedicare una quota significativa del fondo Next Generation EU, il ForumDD ritiene che gli Asili Nido, per la molteplicità di funzioni che assolvono, possano essere il volano di un cambiamento reale ed immediato. Essi sono al contempo un indispensabile presidio educativo che garantisce l’opportunità per bambine e bambini di sviluppare appieno le proprie capacità, contrastando le disuguaglianze e la povertà educativa, uno strumento di sostegno all’occupazione delle donne,  un supporto alla genitorialità e uno strumento per una più corretta divisione dei compiti di cura e pertanto per liberare i tempi di vita delle datrici/datori di cura (una donna su cinque lascia il lavoro all’arrivo di un figlio) e possono giocare un ruolo strategico per un radicale cambio culturale. Nuovi modelli educativi a partire da 0-6 anni possono contrastare precocemente l’instaurarsi di stereotipi e cristallizzazioni di genere, contaminare in percorsi di formazione mirati educatori, insegnanti e genitori. Investire sui nidi ha un effetto moltiplicatore di perequazione e di contrasto alle disuguaglianze e nel porre fine, al pari di una diffusione capillare di servizi sociali, allo scarico totale sulle donne di tutti i compiti di cura in un “welfare vivente sostitutivo”.

ARTICOLI CORRELATI

A distanza di 4 mesi il testo di Legge Delega non è ancora pubblico: “Si rischia di vanificare gli sforzi fatti finora per tutelare le aree del nostro Paese più a rischio sismico” denuncia ActionAid, che in occasione dell’anniversario del terremoto in Emilia lancia anche il tweet bombing #sicuriperdavvero

Actionaid

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è ancora oggi chiuso al dialogo sociale e al monitoraggio dei cittadini. Eppure molto si poteva fare. Sul nostro sito oggi pubblichiamo una nota inviata a ottobre 2021 dal ForumDD e dall'Osservatorio Civico del PNRR che non ha mai avuto risposta. Fabrizio Barca e Sabina De Luca ne scrivono oggi su Avvenire

Forum Disuguaglianze e Diversità

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi