Tutti i dati che produciamo saranno usati contro di noi

Ciascuno di noi consegna ogni giorno migliaia di dati personali alla rete. Informazioni che verranno usate contro di noi, a nostra insaputa, sul posto di lavoro, in banca, nei servizi pubblici, all’atto della richiesta di un mutuo. Articolo di Giulio De Petra

Ciascuno di noi consegna ogni giorno migliaia di dati personali alla rete. Informazioni che verranno usate contro di noi, a nostra insaputa, sul posto di lavoro, in banca, nei servizi pubblici, all’atto della richiesta di un mutuo. Non è il futuro prossimo, è un presente già possibile. Ecco qualche esempio di quello che, già oggi, accade.
Sto cercando lavoro e invio il mio curriculum. Chi lo esaminerà non sarà un impiegato dell’ufficio del personale, ma un’applicazione, un codice informatico che lo “valuterà” sulla base di criteri a me ignoti, e che sceglierà se ammettermi ad un colloquio successivo. Il più importante parametro sarà la valutazione, basata su correlazioni probabilistiche, del profilo personale ricavato dai dati acquisiti dalle piattaforme social da me usate, tipo Facebook, Instagram. Ad esempio: quali sono i video che preferisco? Quali i post per i quali esprimo approvazione? O prendendo informazioni da altre fonti: ho pagato sempre in tempo le rate del mio mutuo?
E se sono donna, e sto programmando una gravidanza, a questi dati si aggiungeranno quelli dei siti frequentati, che parlano di maternità, d’infanzia. Non solo correrò il rischio di non essere assunto/a, anche se ho le competenze adeguate, ma l’azienda può essere indotta a scartare un talento.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringrazia Giulio De Petra, partner di progetto del ForumDD.
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

 Ogni giorno immettiamo in rete una grande quantità di dati personali che non ci vengono pagati, che non sappiamo come verranno usati, né dove finiranno. Crescono i pericoli per i cittadini e i profitti per i colossi del digitale. Idee per cambiare rotta. Colloquio con Giulio De Petra, direttore del Centro per la Riforma dello Stato

Il riequilibrio del processo di trasformazione digitale a favore della giustizia sociale è parte indispensabile di un’azione collettiva e pubblica che aggredisca le attuali disuguaglianze e miri a trasformare la rabbia che hanno prodotto in una stagione di emancipazione sociale.

Tags:

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi