Sì, la crisi ambientale colpisce soprattutto i ceti più deboli

Con questo articolo di Giovanni Carrosio, sociologo dell’università di Trieste e ForumDD, prende il via la collaborazione su temi sociali e ambientali tra L’Espresso e il Forum sulle Disuguaglianze e le Diversità coordinato da Fabrizio Barca. Il ForumDD è una rete di organizzazioni da anni attive in Italia sul terreno dell’inclusione sociale e di ricercatori e accademici impegnati nello studio della disuguaglianza e delle sue negative conseguenze sullo sviluppo. Lo scopo del ForumDD è fornire studi sul campo e proposte concrete per ridurre le disuguaglianze in Italia.

L’estate 2019 ha segnato un punto di non ritorno della crisi ambientale e climatica, che ha dominato le pagine dei giornali. Se fino a ieri non erano bastati gli allarmi lanciati dagli scienziati, una improvvisa accelerazione degli accadimenti ha contribuito a scalfire quel senso comune negazionista al quale hanno lavorato alacremente le forze sovraniste e tanti interessi economici organizzati. I ripetuti e sempre più duraturi picchi di caldo, gli incendi in Siberia e Brasile, i temporali sempre più intensi in Europa, la velocità con la quale si sono assottigliati i ghiacciai della Groenlandia hanno reso tangibili le conseguenze del cambiamento climatico. Questa “pedagogia delle catastrofi” ha anche messo in evidenza come, nonostante la questione ambientale sia potenzialmente senza confini territoriali e sociali, vi sono luoghi e persone che più di altri ne pagano le conseguenze. E spesso sono i meno responsabili delle condizioni in cui versa il nostro pianeta.

 

Esiste infatti una relazione tra disuguaglianze socio-territoriali e crisi ambientale. Le disuguaglianze accelerano la distruzione dell’ambiente a monte e producono ingiustizia ambientale a valle, dove gli effetti della crisi si distribuiscono in modo disuguale tra ceti forti e ceti deboli, tra territori forti e territori fragili.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringrazia Giovanni Carrosio, autore dell’articolo e membro dell’Assemblea del ForumDD.
Download PDF

[author_box]

ARTICOLI CORRELATI

Dall’incontro a Norwich durante una conferenza internazionale è nata l’idea di creare un gruppo di ricerca permanente sulle disuguaglianze ambientali. Ne fanno parte alcune ricercatrici che vogliono elaborare proposte per la lotta per la giustizia ambientale con una chiara ottica di genere. Un articolo di Francesca Rosignoli*

Anche il ForumDD tra i primi firmatari del Manifesto promosso dalla Fondazione Symbola che verrà presentato venerdì 24 gennaio ad Assisi

Tags:

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi