Le città in cui abitiamo sono il trionfo della disuguaglianza

I centri urbani sono spaccati al loro interno: disoccupazione, accesso ai mezzi pubblici, scuole e molto altro differiscono immensamente da una zona all’altra. I progetti per cambiare non mancano, ma la politica li ignora. Articolo di Gloria Riva

La disoccupazione nella capitale è al nove per cento e i laureati uno su cinque. Va male, ma non malissimo, verrebbe da pensare. Invece la situazione è drammatica se si guarda al dettaglio: nei quartieri popolari di Roma i laureati sono il 4,3 per cento e una persona ogni quattro ha in tasca la sola licenza elementare: uno su dieci neanche quella.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringrazia Sabina De Luca, membro del ForumDD.
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Antonio Tamburrino, referente dell'Area interna Basso Sangro Trigno, ha presentato la strategia in atto nel suo territorio, all'evento "A misura dei luoghi e delle persone" che si è tenuto a Roma lo scorso 30 ottobre. 

Annibale D'Elia, del Comune di Milano, ha presentato il progetto delle Scuole di quartiere, all'evento "A misura dei luoghi e delle persone" che si è tenuto a Roma lo scorso 30 ottobre. 

Tags:

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi