L’arte pubblica e partecipata che attiva il coinvolgimento e il senso critico

Francesco Cascino

Una scuola per la giustizia sociale e ambientale può nutrirsi dell’arte per sviluppare nuove visioni e nuovo senso di fare le cose e di vivere le esperienze

L’osservazione critica e laterale della realtà è diventata necessaria per arginare il veleno che da 40 anni affligge l’Occidente intero: la retorica, i luoghi comuni, il ricatto morale della banalità facile da capire e da dare in pasto a chi ha bisogno di identificarsi con un branco. Intanto partiamo da un dato neurobiologico: la mente ragiona per immagini, odori e suoni. Non ragiona per parole a meno che la parola non sia poetica, cioè dotata di una frequenza matematica che crea armonia, suono, appunto, che a sua volta genera immagini. Quindi se l’informazione arriva da questi tre dispositivi genera un’emozione che informa, e di quella informazione_emozione resta traccia indelebile, permanente e soprattutto illuminante.

 

Aggiungiamo a questo che i sensi non sono mai stati solo 5: esiste il senso sociale, l’empatia e la partecipazione immaginata di quando vediamo una cosa e pensiamo alle persone con cui vorremmo vederla, se in quel momento non ci sono. E poi esiste l’intuito, il più importante di tutti. L’intuito si basa sull’istinto che, a sua volta, si alimenta di immagini, suoni e profumi. Infatti chi ha costruito i Sassi di Matera, ad esempio, veniva da milioni di anni vissuti nelle grotte e sulla Murgia, cioè un territorio – paesaggio di totale armonia. I Sassi sono bellissimi, erotici, attrattivi, hanno la forma dell’utero, quindi accolgono nel grembo in cui siamo stati generati, e soprattutto non hanno un solo angolo uguale all’altro ma sono perfettamente costruiti a sezione aurea, come i quadri di Esher. Ergo, l’ordine non è armonia, e l’umano non è ordine. L’istinto di quelli che chiamiamo trogloditi ci ha consegnato una città millenaria intatta, un territorio plurimillenario bellissimo e soprattutto INCONTAMINATO e FUNZIONALE. Da quella gente gli artisti hanno imparato a produrre idee sotto forma di opere così come oggi impariamo dai diseredati e dagli esclusi il vero problem solving, ed è nostro dovere riportare queste perone al centro delle attenzioni e della vita. Il mezzo non importa, ci sono decine di modalità progettuali per fare education con l’arte ambientale e partecipata, noi di Cascino Progetti lo facciamo ogni giorno; quello che conta è che gli artisti e i curatori di qualità (e solo loro, niente street art a indorare le gabbie e a illudere le periferie) devono essere rimessi a monte dei processi politici e progettuali, urbanistici e territoriali, educativi e produttivi com’era un tempo in cui tutto era armonico, attraente e funzionale.

 

Infatti tutti vorrebbero vivere in un’opera d’arte, come nei Sassi di Matera dove tutti davano il loro contributo in una società solidale, e dove si è vissuto per 6mila anni senza un giorno di guerra come in un’opera di Esher. Tutti vorrebbero vivere nelle città d’arte ancora oggi, da Roma a Firenze, dove il modello delle botteghe rinascimentali produceva nuovo lavoro e nuovi lavori ogni giorno, essendo un coworking ante litteram, un luogo dove l’intelligenza artigianale ed emotiva si coniugavano fisiologicamente ai saperi diversi di ognuno e davano luogo a ricerca, scoperta e confronto quotidiani. Si può ancora fare, al Mandrione di Roma l’hanno fatto pochi anni fa e gli artigiani hanno riaperto le loro officine per produrre poi il reddito di quartiere più alto di Roma. Tutto grazie a Moravia, Pasolini, Pinna, De Martino.

 

L’arte fa questo: porta in emersione identità sopite e le coniuga con quelle future e desiderate ancora da scoprire attraverso l’uso sapiente dei simboli e la diversa disposizione degli elementi della realtà percepita, in modo da risvegliare la percezione lucida e laterale dei modi e dei mondi nascosti dal pensiero prevalente, portando alla luce nuove visioni e nuovo senso di fare le cose e di vivere le esperienze.

 

Questo enorme bagaglio di valore degli artisti e dei curatori deve essere riportato nelle scuole, nelle strade e in ogni luogo ci sia una comunità. L’arte pubblica oggi produce aumenti di PIL a due cifre in Germania e negli USA dove la lezione del Rinascimento l’hanno studiata e aggiornata alla perfezione. I distretti culturali, riedizioni delle nostre botteghe rinascimentali, attraggono milioni di investitori e formano cittadini quotidianamente, i quali si incontrano in luoghi intelligenti e incontrano viaggiatori e investitori esterni, annullando barriere, categorie obsolete, divisioni forzate. Infine, ma non per ultimo, l’art thinking deve essere rimesso al suo posto nella trasformazione e rigenerazione urbana e culturale, nonché nei luoghi di lavoro, perché nelle imprese l’arte ha dato sempre il meglio di sé. Il Made in Italy viene dall’arte, cioè la capacità di produrre estetica di valore e funzionalità seducente.

 

Il pensiero pensa, l’immaginazione vede (Bruno Munari)

Franco Cascino, nato a Matera nel 1965 e laureato in Scienze politiche, dal 1990 al 2000 è stato Direttore delle Risorse Umane in tre diverse multinazionali. Oggi è Contemporary Art Consultant e Cultural Projects Curator. Si occupa di arte da parete e arte da processi, cioè sia di arte da collezione a beneficio di privati, appassionati e collezionisti, sia di arte come pratica e approccio progettuale art thinking oriented per imprese di ogni genere, istituzioni e rigenerazione culturale, urbana e umana. Come Art Consultant informa e supporta le scelte di collezionisti, acquirenti e appassionati di arte contemporanea nella selezione di opere d’arte di ricerca e di alta qualità, nell’analisi del miglior rapporto qualità prezzo e nella progettazione di intere collezioni, in Italia e nel mondo. Come Cascino Progetti si occupa di ideazione e realizzazione di contenuti, interventi temporanei, installazioni permanenti, inserimento di arte e artisti a monte dei processi di ogni tipo di azienda e attività. Si occupa inoltre di rigenerazione culturale e urbana di città, borghi, territori e paesaggio (insieme al suo Advisory Board e a diversi Partner che si occupano di architettura, design, heritage management digitale, economia della cultura, diritto societario e di quanto altro necessitino le strategie del caso). www.francescocascino.com
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

La società civile chiede trasparenza sul PNRR e si mobilita (di nuovo) con una lettera a Meloni e Fitto

Le oltre 700 realtà sociali, sindacali e del volontariato cattolico, tra cui il Forum Disuguaglianze e Diversità, che animano il percorso “Non per noi ma per tutte e tutti” lanciato dalla Rete dei Numeri Pari si danno appuntamento al 5 dicembre per la giornata di mobilitazione nazionale "Organizziamoci contro il carovita" in cui in oltre 20 città ci saranno delle assemblee territoriali. Tra queste anche l’assemblea romana che si terrà alle 17:00 presso la sala Tobagi della Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Forum Disuguaglianze e Diversità

Tags:

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi