Il 28 settembre in Europa si discute una proposta per mettere al centro la salute dei cittadini

Forum Disuguaglianze e Diversità

Tra pochi giorni in Europa si discuterà una proposta, nata nel ForumDD, per costruire un’impresa pubblica europea per vaccini e farmaci. Dalla parte della proposta numerosi scienziati e organizzazioni che si occupano di salute pubblica

APPELLO IN ITALIANO - PROMOTORI E SOSTENITORI
APPEAL IN ENGLISH - INITIATORS AND SUPPORTERS
FIRMA SU CHANGE.ORG

Il prossimo 28 settembre, presso il Parlamento Europeo, Massimo Florio presenterà la proposta, nata nel Forum Disuguaglianze e Diversità, poi evoluta in uno studio su richiesta dello stesso Parlamento (comitato Science and Technology STOA) di costituire un’infrastruttura pubblica comune di ricerca biomedica, per lo sviluppo autonomo di nuovi farmaci, vaccini, diagnostica e tecnologie medicali. Un’impresa pubblica di nuovo tipo orientata dai bisogni della salute, sostenuta dai governi della UE, aperta a paesi terzi, in dialogo con la società civile, in grado di valorizzare le eccellenti capacità esistenti in Europa nelle Università, negli istituti no-profit, nelle imprese innovative, sulla base di contratti trasparenti e senza esclusive brevettuali.

 

Alla tavola rotonda (a cui possibile registrarsi), che seguirà la presentazione, parteciperanno i rappresentanti della Commissione Europea ed anche dell’European molecular biology laboratory, dell’European public health alliance, dell’European federation of pharmaceutical industries and associations e del National institute of allergy and infectious diseases (Niaid) dei National institutes of health statunitensi, l’istituto diretto da Anthony Fauci. (Qui la lista completa dei partecipanti).

 

A sostegno della proposta è stato lanciato, nel luglio 2022, un appello (anche su change.org) sottoscritto da scienziati, economisti e rappresentanti di organizzazioni della salute, italiani e stranieri, che vede tra i promotori oltre a Massimo Florio, Professore di Scienza delle Finanze, dell’Università di Milano, membro del Forum Disuguaglianze e Diversità e autore dello studio che verrà discusso il 28 settembre, e a Fabrizio Barca, co-coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità, anche Silvio Garattini, Presidente dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, Giuseppe Remuzzi, Direttore scientifico dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” e Professore “per chiara fama” dell’Università di Milano, Vittorio Agnoletto, Medico, coordinatore campagna NO profit on pandemic, Nicoletta Dentico, Director, Global Health Justice program, Society for International Development (SID), Roberto Romizi, Presidente Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia e Giuseppe Masera, già Direttore Emato-oncologia pediatrica dell’Università Milano Bicocca. E tra i primi firmatari tanti altri studiosi e studiose, rappresentanti di associazioni scientifiche e della cittadinanza attiva, nonché le ex Ministre della salute Rosy Bindi e Giulia Grillo, il premio Nobel per la fisica Giorgio Parisi, scienziati  come i professori La Vecchia e Mannucci, Don Dante Carraro Direttore Medici con l’Africa Cuamm ONG, e nomi di rilievo internazionale come Els Torreele, Institute for Innovation and Public Purpose, University College London, Huub Schellekens, Università di Utrecht, Paesi Bassi, Rohit Malpani, public health consultant and UNITAID Board member, Hannah Wolf – stellv. Geschäftsführung und Bildungsreferentin philippinenbüro e.V. im Asienhaus; Bildungsreferentin Aktionsbündnis Menschenrechte – Philippinen (AMP), Piotr Kolczyński, OXFAM – PVA, Peter Tinnemann, Public Health & Health Protection Authority, Francoforte, Unni Karunakara, Senior fellow, Global Health Justice Partnership, Yale Law School. Nonché organizzazioni come OXFAM, e la federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU), l’ADI, Associazione Dottorandi e dottori di ricerca in Italia, Global Social Justice, People’s Health Movement (PHM) Europe, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Torino, Emergency ONG Onlus e Society for International Development (SID).

 

L’epidemia Covid-19 ha reso evidente il disequilibrio tra l’investimento in ricerca pubblica degli stati finanziato con le imposte, e il potere delle big pharma in grado di servirsi di quella ricerca e di produrre e commercializzare prodotti che i cittadini e le cittadine, o gli stati nel caso dei vaccini, si trovano a pagare una seconda volta. Un disequilibrio che crea disuguaglianze e concentrazione di ricchezza e potere. E che non possiamo immaginare che si risolva con piccoli aggiustamenti. Servono piuttosto cambiamenti al tempo stesso radicali e concreti, come quello che la proposta introdurrebbe, se le istituzioni europee ed i politici dei vari paesi volessero farla propria.

LA PROPOSTA CONTENUTA NEL RAPPORTO ``15 PROPOSTE PER LA GIUSTIZIA SOCIALE``
LO STUDIO PER IL PANEL FOR THE FUTURE OF SCIENCE AND TECHNOLOGY DEL PARLAMENTO EUROPEO
* Foto da Unsplash
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Nella Legge di Bilancio presentata dal nuovo Esecutivo mancano 10 milioni di persone. Sono tutte quelle interessate alla non autosufficienza, tra gli anziani coinvolti, i loro familiari e gli operatori professionali. Le 52 organizzazioni del Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza presentano le proprie proposte per modificare la Legge di Bilancio. Queste proposte costano poco – come la fase attuale del Paese richiede – ma sarebbero di grande utilità sociale.

Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza

Appuntamento domani alle 11:00 all'assemblea pubblica in Piazza Vittorio a Roma della mobilitazione "Non per noi ma per tutte e tutti. Per la pace, la giustizia sociale e ambientale, contro disuguaglianze ed esclusione", di cui il Forum Disuguaglianze e Diversità è tra i promotori. Interverrà Andrea Morniroli, co-coordinatore del Forum. Alle 12:30 si confluirà con l’”Agenda sociale" nel grande corteo per la Pace "Europe for peace" sino a Piazza San Giovanni 

Forum Disuguaglianze e Diversità

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi