Maria e la sua nuova vita: produrre in modo sostenibile

Un progetto di agricoltura sostenibile sull’isola di Flores ha aiutato Maria e un gruppo di agricoltori indonesiani a produrre fertilizzanti biologici. Adesso fanno parte di una cooperativa che genera reddito e lavoro. 

Maria Suel è coordinatrice di uno dei gruppi di agricoltori supportati tramite il progetto “Orti di Ruteng” della Caritas diocesana sull’isola di Flores, isola a est dell’arcipelago indonesiano. «Con il nostro gruppo abbiamo prodotto insieme pesticidi e fertilizzanti biologici, non solo per il nostro uso ma anche per venderli. Una tanica di prodotto costa 20.000 rupie (1,40 euro) e una bottiglia costa 10.000 rupie (70 centesimi di euro). Ho partecipato al training sull’agricoltura biologica di Caritas Ruteng, poi ho aiutato nella formazione di altri nove gruppi che hanno imparato a fare fertilizzanti e pesticidi biologici e a procurarsi le materie prime localmente per farli. La ragione per cui non volevo coltivare la mia terra come agricoltore era dovuta all’impossibilità per me proprio di comprare i fertilizzanti chimici. Immaginate, il prezzo per un pacco di fertilizzante chimico è di 500.000 rupie (34 euro). E ancora c’erano da comprare il riso, pagare le tasse scolastiche e altre spese di primaria importanza. Io sono una vedova e non ho la possibilità di racimolare quei soldi, non ho questi risparmi. Ho sofferto molto per questo! In passato mi sono trovata obbligata a comprare fertilizzante chimico, ma ho dovuto prendere in prestito il denaro da degli usurai. Ho dovuto ripagare l’ammontare preso in prestito più il 10% d’interesse ogni mese. Potete immaginare!

 

Quando non coltivo la terra, la mia unica fonte di reddito è la vendita dei tessuti che faccio a mano. Dopo aver partecipato alla formazione sull’agricoltura biologica ho cambiato vita. Ci è stato insegnato come fare fertilizzanti e pesticidi biologici, con materie prime di scarto gratis e locali, facili da trovare. Sono stata molto contenta ed entusiasta, e ho invitato i miei amici e i miei vicini a unirsi in queste pratiche. Non abbiamo solo lavorato insieme, ma abbiamo partecipato insieme anche ad altre attività spirituali e pastorali, come la catechesi, le celebrazioni dell’Eucarestia: questo ci ha dato più armonia nella nostra vita, e più forza. Tutto ciò mi ha motivato molto, ci siamo liberati delle cattive abitudini del passato e anche dei cattivi pensieri. Ora va tutto bene e il raccolto delle verdure è stato buono. Lo staff di Caritas Ruteng ci ha insegnato a usare i pesticidi biologici, a coltivare la terra, a piantare, e ora il nostro raccolto è abbondante. Abbiamo venduto gli ortaggi e il guadagno lo abbiamo usato per formare una cooperativa di microcredito del gruppo Kebai. Le nostre attività vanno bene e realizziamo guadagni, e ne siamo fieri. Grazie ai fertilizzanti biologici, tutti i tipi di ortaggi crescono bene nei nostri campi, e i membri dei nostri gruppi sono in aumento, sono interessati ad unirsi perché vedono i buoni risultati delle nostre pratiche. Il reddito cresce, abbiamo verdure fresche e possiamo venderle. Il nostro gruppo ha un motto: “Trovare l’amore di Dio nelle attività di agricoltura biologica”. Grazie alla vendita degli ortaggi la nostra cooperativa ha un capitale di 5 milioni di rupie (345 euro), ogni vendita al mercato porta 200 mila rupie (14 euro), il prezzo per una porzione di ortaggi è di 35 mila rupie (2,40 euro). Gli ortaggi non biologici sono più economici rispetto ai nostri, dunque non possiamo competere con quei prodotti. L’ideale sarebbe poter competere con i prezzi degli ortaggi non biologici. Ho deciso di partecipare alla formazione degli altri gruppi volontariamente, perché credo che le mie capacità nel coltivare vengano da Dio. È una chiamata da Dio e mi sento in dovere di condividerla. Quello che ho ricevuto gratis, voglio darlo agli altri gratis. Non si tratta solo delle capacità e dell’esperienza. Condivido anche i semi di riso con i membri degli altri gruppi e i vicini. Mi hanno portato i semi di riso dallo Sri Lanka, me li ha dati un agricoltore srilankese durante la conferenza degli agricoltori di Caritas Asia che si è tenuta a Yogyakarta, isola di Giava, Indonesia».

 

Questa storia è tratta da “Un mondo in bilico”, pubblicazione di Caritas Italiana.

Redazione

Non ci sono commenti

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi