Le cinque Italie su cui dovremmo spendere il Recovery Fund (per non sprecarlo)

La pianura Padana, le zone centrali del post-terremoto, le aree interne, le coste, le periferie: sono queste le nuove zone fragili da ricostruire e su cui andrebbero indirizzati i fondi europei

La crisi del 2008, poi la stagnazione e infine l’irruzione del Covid-19 e il prolungarsi dei suoi effetti socioeconomici hanno profondamente mutato i termini territoriali dello sviluppo e dell’organizzazione del nostro paese. I divari tra le diverse Italie si sono allargati e aree un tempo forti si sono indebolite.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringraziano Alessandro Coppola, Arturo Lanzani e Federico Zanfi.

 

Photo by Miriam Espacio on Unsplash
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Nella giornata mondiale di contrasto alla povertà Caritas Italiana pubblica un Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Caritas Italiana

La puntata di Memos su Radio Popolare sul Reddito di Cittadinanza, ospite Andrea Morniroli insieme a Enrica Morlicchio, 6 ottobre 2020. 

Forum Disuguaglianze Diversità

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi