Le cinque Italie su cui dovremmo spendere il Recovery Fund (per non sprecarlo)

Alessandro Coppola, Arturo Lanzani e Federico Zanfi

La pianura Padana, le zone centrali del post-terremoto, le aree interne, le coste, le periferie: sono queste le nuove zone fragili da ricostruire e su cui andrebbero indirizzati i fondi europei

La crisi del 2008, poi la stagnazione e infine l’irruzione del Covid-19 e il prolungarsi dei suoi effetti socioeconomici hanno profondamente mutato i termini territoriali dello sviluppo e dell’organizzazione del nostro paese. I divari tra le diverse Italie si sono allargati e aree un tempo forti si sono indebolite.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringraziano Alessandro Coppola, Arturo Lanzani e Federico Zanfi.

 

Photo by Miriam Espacio on Unsplash
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Esistono strade percorribili per rendere le imprese capaci di contribuire alla sostenibilità e alla giustizia sociale, bilanciando al loro interno gli interessi di diversi stakeholder? Le proposte per introdurre la democrazia economica nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Lorenzo Sacconi

“Per risolvere questa crisi ci si affida prioritariamente al rinnovamento tecnologico. Non si vuole vedere l’intreccio drammatico, che la pandemia ha fatto emergere, tra crisi ecologica e crisi sociale e culturale, né i ritardi e le disparità che segnano la società italiana”. Articolo pubblicato su Rinnovabili.it

Vittorio Cogliati Dezza

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi