«La strategia dei decreti sicurezza? Far sentire insicuri i cittadini. Per questo bisogna abolirli»

«Le norme cercano di dare sostanza all’invasione dei migranti, colpiscono i più deboli e stroncano le proteste. Vi spiego perché il governo deve abrogarli ora». L’intervento del presidente dell’Associazione Avvocato di Strada Onlus

uando ho letto per la prima volta i cosiddetti Decreti Sicurezza ho pensato: è come se una mente perversa avesse deciso una strategia per creare maggiore insicurezza in Italia, colpire le persone più deboli e stroncare possibili proteste. Ci sono norme che sembrano slegate tra loro, ma che perseguono un unico disegno, legate da un filo nero e spinato. E come si fa, si sarà chiesta quella mente, a creare insicurezza, a suscitare diffidenza e paura verso i migranti? Innanzitutto bisogna renderli visibili, dare sostanza all’invasione da cui lo stato dovrebbe proteggersi. Bisogna riempire le strade di immigrati.
Detto fatto.

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringrazia Antonio Mumolo, presidente dell’Associazione Avvocato di Strada Onlus.
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Il drastico cambiamento dei luoghi e tempi di lavoro, irreversibilmente accelerato dalla crisi sanitaria, apre nuove possibilità: tra lavoro in azienda e lavoro da casa, spunta una terza interessante alternativa. Un articolo di Carmelo Caravella, Piero De Chiara e Giulio De Petra.

Carmelo Caravella, Piero De Chiara e Giulio De Petra

Centralità del lavoro e dei lavoratori: ripartire da qui per una ripresa più giusta. Un articolo di Mario Sai

Mario Sai

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi