La disuguaglianza di riconoscimento, l’ingiustizia sociale di cui si parla troppo poco

Quando alcune persone e gruppi non vengono considerati da parte dei policy maker si prepara il terreno alle disuguaglianze economiche e sociali. Perché i singoli e i gruppi non riconosciuti così scompaiono dai disegni delle politiche pubbliche. Un articolo di Alessia Zabatino

Il nostro Paese è ingiusto. I dati sulla disparità di reddito, di ricchezza, di accesso ai servizi fondamentali e in generale le disuguaglianze economiche e sociali rendono inconfutabile questa percezione nel senso comune. Sono queste le responsabili dell’ingiustizia sociale?

 

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DELL’ESPRESSO.

* Si ringrazia Alessia Zabatino, membro del ForumDD.
Download PDF

[author_box]

ARTICOLI CORRELATI

Il drastico cambiamento dei luoghi e tempi di lavoro, irreversibilmente accelerato dalla crisi sanitaria, apre nuove possibilità: tra lavoro in azienda e lavoro da casa, spunta una terza interessante alternativa. Un articolo di Carmelo Caravella, Piero De Chiara e Giulio De Petra.

Carmelo Caravella, Piero De Chiara e Giulio De Petra

Centralità del lavoro e dei lavoratori: ripartire da qui per una ripresa più giusta. Un articolo di Mario Sai

Mario Sai

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi