Il conflitto sociale nell’era dei Robot e dell’Intelligenza Artificiale

La trasformazione digitale apre una biforcazione fra uno scenario di emancipazione e uno di regressione sociale. Di questo si è parlato al convegno “Il conflitto sociale nell’era dei robot e dell’intelligenza artificiale” organizzato dalle Università di Cassino, RomaTre e Cadi Ayyad (Marocco). A disposizione l’intervento Fabrizio Barca e le raccomandazioni finali. 

Circondati da migliaia di volumi della straordinaria Biblioteca Casanatense, fra i quali i “libri proibiti” dall’Inquisizione, si è tenuto il Seminario Il conflitto sociale nell’era dei robot e dell’intelligenza artificiale organizzato dalle Università di Cassino, RomaTre e Cadi Ayyad (Marocco).

 

Gli interventi, grazie a tagli disciplinari assai diversi, hanno messo in luce che, al di là delle classiche visioni di un futuro predeterminato, utopico o distopico, la trasformazione digitale apre una biforcazione fra uno scenario di emancipazione e uno di regressione sociale. Le opportunità di emancipazione sociale sono state colte da molti interventi nella capacità di trasformare in conflitto la rabbia e l’odio prodotti dall’erosione di giustizia sociale a cui la trasformazione digitale non governata sta contribuendo. Con riguardo al mondo del lavoro, ciò significa, è stato detto, recuperare il ruolo della contrattazione collettiva. Simile può essere il ruolo di altri “grumi sociali”, a cominciare dal movimento femminista e dalle organizzazioni di cittadinanza attiva, se sapranno mobilitarsi in modo adeguato.

 

Sono state illustrati casi negativi in cui gli algoritmi di apprendimento automatico producono gravi discriminazioni, anche di genere. E casi positivi di utilizzo della trasformazione digitale per rimuovere ostacoli allo sviluppo di piccole e medie imprese e alla vita nelle aree interne marginalizzate. Sono stati esplorate applicazioni digitali che estendono la potenza, modificano o superano la persona umana. Tema ricorrente in tutti gli interventi è stato quello dell’accesso diffuso alla conoscenza, ai dati, al loro utilizzo – un’aspirazione simbolica in un luogo che conservava conoscenza proibita per alcuni o per i posteri.

Il ForumDD ha contributo con un intervento di Fabrizio Barca che, sulla base del lavoro in corso con la Scuola Critica del Digitale, ha discusso le azioni che è necessario realizzare in modo simultaneo per indirizzare l’uso dell’intelligenza artificiale verso la giustizia sociale:

 

    • Condividere collettivamente un criterio per distinguere il «bene» dal «male» (il concetto di libertà sostanziale della “teoria delle capacitazioni” di Amartya Sen, corrispondente a quello della nostra Costituzione – art.3).
    • Comprendere i nessi causali con cui la tecnologia produce «bene» anziché «male».
    • Disegnare azioni che assicurino gli «usi buoni».
    • Trasformare la rabbia in un confronto acceso, aperto, informato e ragionevole (conflitto) per compiere i precedenti passi.

 

Le Università promotrici hanno concluso il Seminario con la presentazione di un Manifesto.

* Si ringrazia il gruppo che ha organizzato l’evento.
Download PDF

[author_box]

ARTICOLI CORRELATI

L’esecuzione dei progetti del PNRR dedicati alla “digitalizzazione” non prevede come infrastruttura digitale soltanto la Rete, ma anche una infrastruttura fondamentale chiamata Cloud alla cui realizzazione state assegnate risorse significative. Che cosa è questa infrastruttura? Perché è così importante per cittadini e imprese? Come dovrà essere realizzata per preservare la sovranità dei dati dei cittadini e dello stato, e per sottrarsi a una sudditanza verso USA e Cina rivestita di modernità tecnologica? Per evitare questo rischio occorre una società pubblica nazionale che progetti e realizzi una piattaforma cloud dotata della propria infrastruttura

Giuseppe Attardi

Tags:

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi