Covid-19 e povertà. Barca, Giovannini, Gori: “Bene prorogare il Rem, ma va migliorato”

Forum Disuguaglianze e Diversità, ASviS, Cristiano Gori

“Apprezziamo che il Governo nell’ultimo decreto abbia previsto di rinnovare il Reddito di Emergenza (Rem), misura straordinaria a sostegno delle fasce più vulnerabili della popolazione. Peccato, però, che non si sia intervenuto per superare le criticità che lo rendono difficilmente accessibile”

Roma, 28 ottobre 2020 – “Apprezziamo che il Governo nell’ultimo decreto abbia previsto di rinnovare il Reddito di Emergenza (Rem), misura straordinaria a sostegno delle fasce più vulnerabili della popolazione. Peccato, però, che non si sia intervenuto per superare le criticità che lo rendono difficilmente accessibile. Criticità, peraltro, da tempo segnalate all’esecutivo non solo da noi, ma da tutti gli esperti e i soggetti sociali”. Così Fabrizio Barca (Forum DD), Enrico Giovannini (ASviS) e Cristiano Gori (Università di Trento), estensori della proposta originale del Rem – che proprio sulle modalità per riceverlo si differenzia fortemente da quella poi introdotta dal Governo – in merito alla proroga prevista dal decreto legislativo in cui si introduce, infatti, una nuova mensilità del Rem per due gruppi di utenti: chi già lo riceveva nell’ultimo periodo e chi lo richiederà il prossimo mese.

 

“Sono i dati del Governo a dirci che il Rem è un sostegno difficile da ottenere. Infatti, lo ha ricevuto solo il 35% degli aventi diritto e ben il 50% delle domande sono state rifiutate. Le cause risiedono nella complessità delle procedure per presentare la domanda, nella scarsa informazione offerta alla popolazione e nel mancato coordinamento tra questa misura straordinaria e quella ordinaria di contrasto alla povertà (il Reddito di Cittadinanza).

 

Le domande per il Rem si potranno presentare fino al 30 novembre ma le conseguenze sociali della pandemia andranno purtroppo ben oltre. E’ opportuno, dunque, lavorare da subito per mettere in campo adeguati strumenti di contrasto alla povertà nel prossimo futuro.

I PASSI PRECEDENTI DELLA PROPOSTA
LE PRIME VALUTAZIONI SUL DECRETO CURA ITALIA - 16 MARZO
LA PROPOSTA PER INTRODURRE SEA E REM - 30 MARZO
LA RACCOLTA FIRME DELLA CAMPAGNA #NESSUNORESTINDIETRO
FOTO, VIDEO E PENSIERI DI CHI HA PARTECIPATO ALLA CAMPAGNA #NESSUNORESTINDIETRO
NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO. OCCUPATI E PROTEZIONE SOCIALE - UN ARTICOLO DI MANLIO CALZARONI
REM: NON SI PUO' PIU' ASPETTARE - 30 APRILE
REM: QUESTIONI APERTE (CON NOTA TECNICA) - 5 MAGGIO
REM: EQUO, DIGNITOSO E ACCESSIBILE (CON NOTA TECNICA) - 10 MAGGIO
REM: UN BILANCIO (CON NOTA TECNICA) - 3 GIUGNO
IL GOVERNO PROROGHI IL REM FINO AL 15 SETTEMBRE - 30 LUGLIO
COVID-19: CONTRO LA POVERTÀ, INDENNIZZI E REDDITO D’EMERGENZA - 26 OTTOBRE
Photo by Moritz Kindler on Unsplash
Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

“Per riuscirci dovremo dare potere ai giovani” . Oggi alle 16:00 conferenza Stampa a Montecitorio dei tre promotori dell'appello

Forum Disuguaglianze e Diversità, Movimenta e FPA

Fabrizio Barca, Enrico Giovannini e Cristiano Gori: “Per il REM è necessario estendere i termini per le domande e semplificare le procedure.  Per i lavoratori autonomi, un sostegno commisurato alle condizioni economiche dei beneficiari”.

Forum Disuguaglianze e Diversità, ASviS, Cristiano Gori

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi