Accompagnare sul campo il cambiamento: riflessioni da un’esperienza nella Valle del Simeto

Medea Ferrigno

Nella dimensione locale le storie di vita personali sono profondamente intrecciate con le storie di vita delle organizzazioni e con la storia del territorio. Storie che si intrecciano nella ricerca di un equilibrio possibile tra azione ed ambizione. Accompagnare questo processo vuol dire capacitare – tanto i singoli quanto le organizzazioni – ad avere un maggiore impatto sul territorio nel quale operano.

Nel 2017, quasi per caso, ho incontrato il percorso del Presidio Partecipativo – un’organizzazione comunitaria che opera per la coesione sociale e lo sviluppo territoriale della Valle del Simeto – e da qual momento la mia vita è cambiata. Dopo qualche mese di collaborazione come socia volontaria la mia storia si è entusiasticamente unita a quella del Presidio Partecipativo. Essere simetina, cittadina attiva del territorio dove sono nata e cresciuta, è diventato uno stile di vita, poter fare la mia piccola parte per cambiare la Valle è diventata un’aspirazione personale che condivido con tanti giovani che amano profondamente questo territorio e coltivano l’ambizione di continuare a viverci nonostante lo spopolamento in atto.

 

L’accompagnamento sul campo come necessità

Nell’ambito di questo percorso a fine 2019 abbiamo deciso di provare a dar forma ad un sogno che la componente “giovane” del Presidio Partecipativo coltivava da anni: riuscire a trasformare l’impegno gratuito prestato fino a quel momento come volontari di un’associazione, in una sfida professionale dando vita ad un’organizzazione (concepita come uno spin-off) che diventasse luogo di implementazione di azioni per lo sviluppo territoriale. Un tale cambiamento non è mai “neutrale” e dà sempre luogo a conflitti nelle organizzazioni, incide sia sulle dinamiche relazionali interne tra gli stessi membri, che sui “rapporti di forza” tra l’organizzazione stessa ed altri attori sociali, vedi ad esempio il mondo delle professioni, organizzazioni del terzo settore, enti di ricerca, ecc. Sapevamo di essere totalmente impreparati ad una sfida del genere e proprio per questo abbiamo immaginato un percorso di accompagnamento sul campo che è stato sostenuto da Fondazione CON IL SUD nell’ambito del progetto “ReCap Simeto. Reti capacitanti nella valle del Simeto”. Abbiamo così co-progettato, con l’aiuto di tre “accompagnatori esterni”, tutto il percorso identificando tematiche da approfondire, esperti di settore con i quali confrontarci, organizzazioni territoriali da conoscere. È stata un’occasione per fermarci a riflettere, immaginarci nel futuro e pensare a “cosa voler fare da grandi”. I numerosi incontri, i momenti di riflessione collettiva ci hanno restituito nuove traiettorie da intraprendere e nuovi orizzonti da esplorare collettivamente. Opportunità che non riuscivamo a vedere prima, alla fine del percorso sono diventate possibilità concrete, strade da percorrere per orientare il cambiamento.

Accompagnare sul campo vuol dire, dunque, moltiplicare le possibilità di successo a livello locale di giovani (e non!) nel conciliare le storie di vita con le storie dei territori, vuol dire abilitare gruppi (più o meno eterogenei, più o meno consapevoli) ad agire per e nel cambiamento. Vuol dire supportare le comunità locali rafforzando le loro capacità di co-programmazione e co-progettazione, vuol dire investire nella sostenibilità di un processo e nella sopravvivenza di partnership territoriali a lungo termine in tensione costante verso il cambiamento.

Medea Ferrigno è studentessa di dottorato in Pianificazione territoriale presso l’Università IUAV di Venezia. Si occupa di progettazione collaborativa per lo sviluppo locale, ha ricoperto la carica di assessore all’Urbanistica e Pianificazione territoriale del comune di Regalbuto (EN) dal 2020 al 2022 ed ha collaborato come esperto della Commissione Europea per il progetto “BiodiverCities”. È attualmente socia del Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto dove è project manager del progetto “ReCap Simeto. Reti Capacitanti nella Valle del Fiume Simeto” sostenuto da Fondazione CON IL SUD.

 

Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

La società civile chiede trasparenza sul PNRR e si mobilita (di nuovo) con una lettera a Meloni e Fitto

Le oltre 700 realtà sociali, sindacali e del volontariato cattolico, tra cui il Forum Disuguaglianze e Diversità, che animano il percorso “Non per noi ma per tutte e tutti” lanciato dalla Rete dei Numeri Pari si danno appuntamento al 5 dicembre per la giornata di mobilitazione nazionale "Organizziamoci contro il carovita" in cui in oltre 20 città ci saranno delle assemblee territoriali. Tra queste anche l’assemblea romana che si terrà alle 17:00 presso la sala Tobagi della Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Forum Disuguaglianze e Diversità

Tags:

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi