Premiare il merito? Un’indicazione ben più problematica di quanto spesso riconosciuto

In un paese come il nostro, dove clientelismo e nepotismo sono diffusi, l’origine sociale determina i destini di molti giovani e i contributi di chi più si sforza sono spesso sottovalutati, premiare il merito appare un’indicazione inattaccabile. D’altro canto, la meritocrazia, almeno a parole, è un credo centrale delle società democratiche dove, a differenza di quanto avveniva nelle vecchie aristocrazie, i vantaggi dovrebbero dipendere dalla bravura individuale e non dallo status ereditato. Premiare il merito è, invece, nozione assai ambigua e controversa.

 

Uno dei problemi su cui più la letteratura di etica pubblica ha portato l’attenzione riguarda l’influenza diffusa del caso. Si consideri il merito come insieme (somma o moltiplicazione) di abilità e sforzo. Le abilità sono influenzate da una pluralità di variabili che nulla hanno a che fare con i singoli individui. La lotteria naturale presiede alla definizione dei nostri geni e la lotteria sociale influenza sia le dotazioni naturali (le condizioni di povertà/svantaggio in cui versa la madre potrebbero influenzare fin dalla gravidanza le abilità dei figli) sia le possibilità di sviluppo delle abilità stesse. Quest’ultima influenza è inevitabile, anche qualora si abbracci una nozione sostanziale di meritocrazia volta a sganciare i destini dei figli da quelli dei genitori. Il clima culturale che si respira in famiglia, i modelli di ruolo offerti dai genitori, le aspirazioni e le scelte di vita di questi ultimi non possono, infatti, non influenzare la formazione dei figli.

 

Continua a leggere su eticaeconomia

 

Menabò n. 115/2019

Download PDF

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione.

Invia il tuo contributo

Partecipa! Invia qui il tuo contributo, che sarà valutato per la pubblicazione sul sito.

Procedendo si dichiara che l’articolo è inedito, frutto del proprio esclusivo lavoro e libero da diritti di terzi, e si acconsente alla sua pubblicazione.

 

Tags:

Elena Granaglia
Redazione:

Elena Granaglia

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi