Meritocrazia, merito e disuguaglianze

“La meritocrazia non è la soluzione alla crescente disuguaglianza ma piuttosto la sua radice…. La lotta contro l’ingiustizia richiede di resistere alla visione meritocratica stessa.” Questa affermazione sintetizza in poche parole il punto fondamentale del nuovo libro di Daniel Markovits, The Meritocratic Trap (Penguin Press, 2019).  Il libro ha ricevuto molta attenzione nella discussione pubblica internazionale. L’autore insegna a Yale e l’attacco colpisce un valore, il merito, che da secoli siamo soliti invocare per giustificare le disuguaglianze accettabili. Ebbene, secondo Markovits, si tratterebbe di una mera mistificazione: la meritocrazia è il nemico oggi da battere. Nelle sue parole, la meritocrazia, “presentandosi come via per fornire pari opportunità, ha preventivamente fermato possibili critiche; spinge la disuguaglianza a livelli sempre più elevati; serve come meccanismo efficiente per l’eredità, piuttosto che per il ribaltamento del privilegio; e trasforma anche il numero relativamente ridotto di coloro che da essa traggono beneficio in maniaci del lavoro miserabili e incessanti, che devono spendere la maggior parte dei loro redditi elevati nelle scuole private e nei tutor dei loro figli” (trad. mia).

 

Vediamo la tesi un po’ più nel dettaglio. Da un lato, grazie all’importanza attribuita alla bravura e alla presenza di gare aperte a tutti coloro che vogliano parteciparvi, la meritocrazia rappresenterebbe uno strumento potente di legittimazione dei super-stipendi oggi offerti nel mercato. Si consideri, ad esempio, un laureato dalla scuola di legge di Yale. Entrare in tale scuola richiede di superare un processo di selezione reso sempre più duro dalla globalizzazione e dallo sviluppo dell’economia della conoscenza che hanno portato rispettivamente ad accrescere il numero dei concorrenti – basti pensare agli indiani e ai cinesi – e il valore dell’istruzione. Coloro che entrano saranno, dunque, fra i più bravi. Chi si diploma, poi, avrà beneficiato di una delle migliori esperienze di studio al mondo. Ma non basta. Una volta terminata l’Università, il mercato del lavoro richiede di partecipare a altre gare, anch’esse assai dure. Anche gli studi legali possono, infatti, attingere dal pool dei migliori talenti al mondo e avranno tutto l’interesse a reclutare i talenti migliori per cercare di vincere la concorrenza globale fra studi alla quale anch’essi sono sempre più esposti. Alla fine, piccole differenze di talento si assoceranno a differenze formidabili nelle remunerazioni, ma nessuno potrà negare il merito di chi vince. Il problema è che, a fronte di una élite di vincenti, “la maggioranza sarebbe spinta al margine della loro società”, verso lavori sotto-qualificati e sottopagati. E non potranno lamentarsi. Nella gara meritocratica, chi vince è il migliore e loro non hanno vinto.

 

Continua a leggere su eticaeconomia

 

Menabò n. 117/2019

Download PDF

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione.

Invia il tuo contributo

Partecipa! Invia qui il tuo contributo, che sarà valutato per la pubblicazione sul sito.

Procedendo si dichiara che l’articolo è inedito, frutto del proprio esclusivo lavoro e libero da diritti di terzi, e si acconsente alla sua pubblicazione.

 

Tags:

Elena Granaglia
Redazione:

Elena Granaglia

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi