La protezione sociale ai tempi del COVID19

Il Decreto Cura Italia ha dato tante risposte agli Italiani in questo momento di crisi. Ma ha anche aperto molte domande. Tra le tante, vi è quella dell’insufficiente attenzione alle fasce di popolazione più deboli e vulnerabili: chi non lavora, chi svolge lavori saltuari e/o irregolari, i lavoratori di piccole e medie imprese non resilienti, i lavoratori precari – anche molti autonomi. Ne parla in un documento uscito la settimana scorsa il Forum Diseguaglianze e Diversità, attualmente impegnato a scrivere una nota di commento approfondito al Decreto. L’appello di fondo è quello di creare una rete “per tutte le persone e a misura delle persone” – tutelando “ogni persona a rischio, sia i garantiti, sia gli esclusi”. Come? Costruendo sulle spalle delle esperienze internazionali e mettendo a frutto gli strumenti che abbiamo a disposizione.

 

Continua a leggere su eticaeconomia

 

Valentina Barca – Menabò n. 121/2020

Download PDF

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione.

Invia il tuo contributo

Partecipa! Invia qui il tuo contributo, che sarà valutato per la pubblicazione sul sito.

Procedendo si dichiara che l’articolo è inedito, frutto del proprio esclusivo lavoro e libero da diritti di terzi, e si acconsente alla sua pubblicazione.

 

Tags:

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi