Il dibattito/Le due destre (e la sinistra)

Una carrellata sull’Espresso del 12 gennaio 2020.

“La prima cosa, cara Italia,
è rimanere sensuali. La politica
deve accendere le facce come fa un amplesso.
Lottare per la terra senza essere sensuali
serve a poco, metti giù altre parole, fai girare
formiche morte nel sangue, e invece bisogna
alzare in alto le chitarre come hanno fatto in Cile.
Ci vuole nelle piazze un canto a oltranza
e baci e abbracci in abbondanza.
La modernità non va adulata né licenziata:
ci vuole una modernità plurale,
le ragioni delle città e quelle dei paesi,
la comunità che intreccia indigeni e stranieri,
le ragioni dell’utopia e quelle dei banchieri,
il muso delle vacche e Piero della Francesca.

….

… noi siamo la politica della terra …

… noi siamo la politica della salute …

… noi siamo la politica della giustizia …

… noi siamo la politica che profuma di gioia …

… noi siamo la politica dell’attenzione … ”

 

Sull’Espresso di oggi (12 gennaio 2020) Franco Arminio dedica un canto politico “all’Italia nuova” e sempre in questo numero si trovano gli interventi di Massimo Cacciari che denuncia l”inganno del “neoliberismo sovranista”, di Achille Occhetto che ragiona sul seme buono delle sardine, e di Emanuele Felice che accusa la destra di aver tradito le sue radici liberali. Contributi che nascono dal confronto aperto da Fabrizio Barca con il suo pezzo sull’alleanza tra neoliberisti e sovranisti.

 

Buona lettura!

Download PDF

[author_box]

ARTICOLI CORRELATI

Al centro del volume l’urgenza e i tratti di una strategia fondata sulla giustizia sociale e su un patto fra i produttori, per costruire un futuro più giusto, il solo dopo-Covid-19 che vogliamo.

Non pare proprio che il Governo voglia assicurare una protezione sociale equa, dignitosa e di facile accesso alla parte più vulnerabile della popolazione: lavoratori a termine a cui non hanno rinnovato il contratto, chi ha perso un lavoro non regolare, chi non può più beneficiare della rete familiare. Se si confermasse questa iniqua disattenzione alla parte più debole del paese, si aggraverebbe l’impoverimento e si toglierebbe a tanti la possibilità di ricostruire, con un minimo di serenità, un programma di vita. Una scelta ingiusta e dannosa per la ripresa dell’intero paese. E’ mai possibile che siano ancora una volta i più deboli a pagare il prezzo più alto? Che proprio su di loro si risparmi?

Redazione - ForumDD
Redazione:

Redazione - ForumDD

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi