Agenda 2030: il punto sullo sviluppo sostenibile

L’ultimo numero della rivista Economia Italiana è dedicato a un tema di grande attualità: la transizione del sistema economico e produttivo verso una maggiore sostenibilità economica, sociale e ambientale che è diventato una necessità inevitabile e sempre più urgente. L’editoriale che apre il volume, presentato il 10 settembre a Roma presso la sede Sace, ha la firma di Enrico Giovannini, portavoce dell’ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, che fa il punto della situazione e propone ulteriori proposte e spunti di riflessione su un tema che riguarda l’intera umanità. Come rileva Giovannini, “è cresciuta nel nostro Paese la sensibilità ai temi dello sviluppo sostenibile. Che si parli di clima, ambiente, ma anche di diseguaglianze, parità di genere, diritti umani. Del futuro bisogna parlare di più, per operare scelte e farne discendere nuovi comportamenti individuali, priorità della politica, strategie aziendali più lungimiranti”. Il numero presenta quattro saggi che colgono obiettivi importanti per lo Sviluppo Sostenibile. Uno di questi è stato scritto da Fabrizio Barca e Patrizia Luongo, che trattano il tema delle crescita delle disuguaglianze, sottolineando come sia indispensabile invertire rotta con politiche pubbliche radicali.

 

Durante la presentazione del volume, Patrizia Luongo ha ricordato i diversi interventi che il ForumDD propone per combattere le disuguaglianze e ha ricordato quanto cruciale sia il ruolo della comunità internazionale, e in particolare dell’Europa a cui tante delle proposte del ForumDD guardano. “L’Europa e le sue regole sono state usate spesso come pretesto per giustificare inazione. Offre invece opportunità per costruire alleanze per combattere le disuguaglianze senza schiacciarsi sul nazionalismo e senza sfruttare gli ultimi degli altri paesi“.

Download PDF

Ricerca avanzata

Iscriviti alla Newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione.

Invia il tuo contributo

Partecipa! Invia qui il tuo contributo, che sarà valutato per la pubblicazione sul sito.

Procedendo si dichiara che l’articolo è inedito, frutto del proprio esclusivo lavoro e libero da diritti di terzi, e si acconsente alla sua pubblicazione.

 

Non ci sono commenti

Invia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi