Comune di Roma: verso un Bilancio non partecipato?

Forum Disuguaglianze e Diversità

Agcisolidarietà Lazio, Confcooperative Federsolidarietà Lazio, CSV Lazio, Legacoopsociali Lazio, Forum Disuguaglianze e Diversità, Forum Terzo Settore Lazio e Rete dei Numeri Pari esprimono la necessità di aprire al dialogo sociale l’amministrazione capitolina per assicurare il confronto necessario ad orientare al meglio le scelte di intervento

Abbiamo appreso dalla stampa che il primo Bilancio di previsione della nuova Amministrazione capitolina avrà tempi di approvazione così ristretti che non si riuscirà neanche ad interloquire con i cittadini; perciò, il mondo dell’associazionismo, la cooperazione ed il volontariato, nonostante quanto previsto esplicitamente dagli artt. 38, 7 e 12 dello Statuto, rischiano di essere esclusi dal confronto su uno dei principali strumenti di gestione di Roma.

 

Pur comprendendo come sia trascorso poco tempo fra l’insediamento formale e l’elaborazione della proposta di Bilancio, vogliamo sottolineare come il tema della partecipazione di cittadini, organizzati e non, rappresenti un elemento imprescindibile in qualsiasi azione amministrativa che vuole coniugare cambiamento e innovazione. Se Roma deve diventare una Città coesa, come il programma elettorale del Sindaco si proponeva, non si può prescindere dal coinvolgimento diretto dei cittadini a partire dalla definizione dell’impiego delle risorse disponibili.

 

Non va dimenticato che  un Bilancio partecipato rappresenta un essenziale strumento di miglioramento dell’efficacia delle politiche perché è solo attraverso l’ascolto e il confronto con i cittadini  che è possibile conoscere le loro reali necessità e le problematiche locali, ed è anche possibile  indirizzare le scelte dell’amministrazione sugli interventi pubblici da realizzare o i servizi da implementare o migliorare, utilizzando le conoscenze e i saperi maturati dalle organizzazioni del civismo attivo nelle esperienze e nelle pratiche realizzate.

 

Inoltre, è anche uno strumento di rendicontazione sociale perché attraverso momenti dedicati e la disponibilità di materiale informativo non solo sugli investimenti fatti ma anche  sugli interventi previsti, consente una valutazione consapevole dell’operato dell’Ente.

 

Pensiamo che Roma Capitale deve tornare ad avere un ruolo di regia nella governance degli interventi sui territori, anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n.131/2020, che riafferma la centralità dell’Art.55 del Codice del Terzo Settore – D.lgs. 3 Luglio 2017, n.117, che pone tre assi nella relazione tra P.A. ed enti di Terzo Settore: co-programmazione, co-progettazione e accreditamento.

 

Oggi, sul territorio cittadino, si muove un potenziale enorme, fatto di enti, operatori sociali e cittadinanza attiva, costretto a rincorrere continue emergenze, nell’impossibilità di programmare progettualità di ampio respiro. Un potenziale le cui conoscenze e competenze, in assenza di un effettivo coinvolgimento nelle scelte, sono poco o nulla valorizzate.

 

Per poter effettivamente ottimizzare tutte le risorse in campo, appare evidente, ormai da decenni, la necessità di creare uno stretto collegamento tra le realtà che operano in città, attraverso un lavoro di co-programmazione, co-progettazione e coordinamento generale. C’è un modello di governance da disegnare, che trova i suoi presupposti nel quadro normativo già in essere, a partire dalla Legge n.328/2000.

 

È perciò necessario che, anche se in tempi strettissimi, avvenga un confronto con le nostre reti contando sul fatto che solo le contingenze impreviste, prima ricordate, lo abbiano impedito fino a oggi. Altrimenti non sarebbe giustificabile l’assenza di una concertazione su un ambito così importante, in cui ci aspettiamo un aumento della spesa sociale, invertendo il trend dei tagli che si sono succeduti nel corso degli ultimi anni, a fronte di un costante aumento di povertà e bisogni.

 

Ricordiamo ancora una volta come le realtà sociali diffuse in tutta Roma e le nostre reti associative costituiscono una componente fondamentale della partecipazione dei cittadini strategicamente essenziale nella ricostruzione delle comunità locali, e la loro azione si dispiega non solo nell’ambito tradizionale delle politiche sociali ma investe tutti gli ambiti della vita collettiva dove sviluppano da sempre una presenza attiva e preziosa.

 

Chiediamo comunque la possibilità di intervenire nel dibattito pubblico che si svilupperà nei prossimi giorni attraverso un’interlocuzione diretta con la Giunta e il Consiglio Comunale affinché i dettami dello Statuto prima ricordati possono essere onorati appieno.

 

Agcisolidarietà Lazio – Confcooperative Federsolidarietà Lazio – CSV Lazio – Legacoopsociali Lazio – Forum Disuguaglianze e Diversità – Forum Terzo Settore Lazio – Rete dei Numeri Pari

Download PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lo studio, curato da Massimo Florio, evidenzia le criticità nella gestione della pandemia e propone la creazione di un’infrastruttura europea per l’innovazione biomedica da realizzare con un investimento trentennale nel segno di un nuovo ruolo della UE e della rinuncia delle imprese private alle esclusive brevettuali. Se venisse adottata dalle istituzioni europee, collocherebbe saldamente l'Europa come il primo attore globale nel campo della ricerca farmaceutica

Forum Disuguaglianze e Diversità

Fabrizio Barca: "Molto importante questa apertura alla nostra idea" 

Forum Disuguaglianze e Diversità

Tags:

Invia un commento

<font style="color:#fff;">Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.</font> maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi