Fig. A.9: Tasso di variazione del reddito familiare pro-capite, 2005 – 2016

La contrazione di reddito avvenuta in Italia con la crisi iniziata nel 2008 è stata assai più marcata per chi occupa il 40% più basso della distribuzione del reddito. Ancora nel 2016, quando il reddito pro-capite ricominciava a crescere di poco più del 2% per il totale della popolazione, per il 40% più povero c’è stata una contrazione dell’1% circa.

Fig. A.9: Tasso di variazione del reddito familiare pro-capite, 2005 – 2016

Nota: la figura indica la variazione annuale del reddito familiare pro-capite, definito dall’ ISTAT come rapporto fra il reddito disponibile delle famiglie e il totale delle persone residenti.

 

Fonte: elaborazione su dati ASviS [link].

Visualizza il grafico all'interno del Rapporto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi